Gestione emergenza coronavirus – nuove regole di accesso ai servizi di trasporto pubblico locale.

Pubblicato il 30 April 2020

Si riportano di seguito, a beneficio della gentile clientela, le regole di accesso ai sevizi di traporto pubblico locale eserciti da ATAP SpA in vigore dal 4 maggio 2020, in applicazione ai nuovi protocolli di contenimento dei rischi di diffusione del contagio da virus COVID-19.

  • Il D.P.C.M. 26/04/2020 (Art. 3, commi 2 e 3) dispone l’obbligo “… sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, h e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza.” Pertanto, gli utenti potranno salire e viaggiare a bordo degli autobus solo indossando continuativamente “… mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.”
  • Sempre il D.P.C.M. 26/04/2020 (Art. 3, comma 4) precisa che “… l’utilizzo delle mascherine di comunità si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio (come il distanziamento fisico e l’igiene costante e accurata delle mani) che restano invariate e prioritarie”. Pertanto nelle fasi di salita e discesa dall’autobus, e durante la permanenza a bordo i passeggeri sono tenuti al rispetto delle seguenti regole al fine di garantire il necessario distanziamento interpersonale.

o     Salita e discesa:

Negli autobus a tre porte: si sale dalla porta posteriore/si scende dalla porta centrale (l’utilizzo della porta anteriore è inibito).

Negli autobus a due porte: si sale dalla porta posteriore/si scende dalla porta anteriore.

In fermata i flussi in discesa e in salita sono separati fisicamente e temporalmente secondo le seguenti modalità: il conducente apre la porta destinata alla discesa e mantiene chiusa la porta destinata alla salita fino a completamento dello sbarco dei passeggeri; quindi chiude la porta destinata alla discesa e apre la porta destinata alla salita per consentire l’imbarco.

I passeggeri in discesa restano al loro posto fino all’apertura della porta, quindi scendono uno alla volta rispettando la distanza interpersonale di almeno un metro.

I passeggeri in fermata in attesa della salita si dispongono a distanza reciproca di almeno un metro e salgono uno alla volta rispettando la medesima distanza.

In casi eccezionali dettati da imprescindibili esigenze di servizio l’Azienda potrebbe utilizzare autobus con porta singola; in questi casi, ovviamente, salita e discesa avverranno attraverso l’unica porta secondo le seguenti modalità: all’arrivo dell’autobus in fermata i passeggeri a terra si dispongono in modo da favorire la discesa nel rispetto delle distanze interpersonali di almeno un metro; i passeggeri in discesa restano seduti fino all’apertura della porta, quindi scendono uno alla volta rispettando la distanza interpersonale di almeno un metro; solo una volta completata la discesa i passeggeri in fermata salgono uno alla volta rispettando la distanza interpersonale di almeno un metro.

o     Permanenza a bordo autobus:

E’ imposta una limitazione al numero di utenti presenti a bordo. La limitazione è segnalata attraverso appositi “marker” (adesivi/bande segnaletiche) che segnalano i posti a sedere inibiti all’uso che, quindi, non potranno essere occupati, o mediante appositi segnali a pavimento che indicano le posizioni da occupare da parte dei passeggeri che viaggino in piedi.

Si precisa che, durante la presente fase di gestione dell’emergenza epidemiologica, la permanenza a bordo di passeggeri in piedi è ammessa solo sugli autobus di tipo urbano.

In ogni caso gli utenti sono tenuti a disporsi a bordo autobus in modo da massimizzare le distanze interpersonali e mantenendo comunque la distanza minima di un metro.

Il conducente è tenuto a verificare che il carico di utenti non superi i limiti così definiti eventualmente rifiutando la salita a bordo di utenti eccedenti il limite stesso. Si deve fin d’ora sottolineare che nella straordinarietà della situazione di emergenza, stante la riduzione della capacità degli autobus e considerata la limitata disponibilità di veicoli da utilizzare per l’intensificazione dei servizi, potranno verificarsi situazioni di disagio che l’Azienda cercherà in ogni modo di contenere; si richiede, pertanto, la massima comprensione e collaborazione da parte dell’utenza, al fine di individuare, circoscrivere e risolvere eventuali criticità.

o     Protezione del conducente:

Al fine di garantire la massima protezione possibile al conducente:

  • le convalide dei titoli di viaggio andranno effettuate utilizzando i validatori posteriori, ubicati in corrispondenza delle porte destinate alla salita;
  • sui bus extraurbani, l’intera prima fila dei sedili dietro il posto guida (sia lato Conducente sia lato porta anteriore) non potrà essere utilizzata;
  • non ci si potrà avvicinare al posto di guida per qualsivoglia motivo; ove la discesa intervenga attraverso la porta anteriore i passeggeri passeranno a fianco al posto di guida senza fermarsi o indugiare, mantenendo la distanza reciproca di sicurezza;
  • è sospeso il servizio di vendita a bordo dei titoli di viaggio; l’utente è comunque tenuto a salire a bordo munito di regolare titolo di viaggio da acquistare attraverso i canali di vendita alternativi e validare tramite l’apposito apparato.

Si richiama una volta di più l’attenzione degli utenti rispetto alla rigorosa applicazione delle norme igienico sanitarie da adottare nei comportamenti quotidiani ai fini del contenimento dei rischi di contagio, e in particolare:

  • l’obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37.5°) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria;
  • l’impegno a rispettare tutte le misure igienico sanitarie elencate nell’Allegato 4 al D.P.C.M. 26/04/2020;

Si evidenzia che il mancato rispetto delle norme sopraesposte potrà comportare l’interruzione del servizio fino al ripristino delle condizioni di sicurezza; è pertanto indispensabile gli utenti rispettino rigorosamente, nel loro stesso interesse, le regole prescritte.

Le rispetto delle norme sopra elencate (obbligo di indossare la mascherina, rispetto della distanza interpersonale minima di almeno un metro, rispetto delle misure igienico-sanitarie) è ovviamente imposto anche per l’accesso dell’utenza ai locali ATAP aperti al pubblico.

Vedi anche Atap informa 2020-095